(…) non rifugiarti nell’ombra

di quel folto di verzura

come il falchetto che strapiomba

fulmineo nella caldura.

 

E’ ora di lasciare il canneto

stento che pare s’addorma

e di guardare le forme

della vita che si sgretola.

 

(…) non buttiamo già in un gorgo senza fondo

le nostre vite randage (…)

 

(Eugenio Montale, Ossi di seppia, ed. Mondatori)

Muretto al sole

(…) l’ora più bella è di là dal muretto

che rinchiude in un occaso scialbato (…)

 

(Eugenio Montale, Ossi di seppia, ed. Mondatori)

© by marcozuc. Proudly created with Wix.com